Loading...

Le Basi Per un Blog SEO Oriented: Come e Quanto Pubblicare Online

ITAblogFORseo

Le Basi Per un Blog SEO Oriented: Come e Quanto Pubblicare Online

Quando apriamo un blog – per un cliente o per uno dei nostri progetti – la prima preoccupazione è sempre relativa a pianificare i contenuti per risultare funzionali in termini SEO.

Che, ovviamente, si traduce in quanto devo pubblicare per migliorare il posizionamento SEO.

Ogni azienda avrà differenti fattori che determineranno la frequenza di pubblicazione perché, chiaramente, avranno un audience diversa e un’altrettanta diversa selezione di argomenti che a quel pubblico interesserà leggere. Google, che prima tracciava la frequenza di pubblicazione dei blog come metro, aveva sostanzialmente aperto all’era del blogging quotidiano. Un’epoca in cui scrivere contenuti ogni giorno sembrava l’unica risposta, per crescere in rete.

Cos’è successo nel frattempo? Perché quel contenuto ha perso più dell’80% in termini di ricerche? Beh, semplicemente, è invecchiato. Non è più rilevante.

Dunque, partendo dai fondamentali, quantità solo quando accompagnata da qualità. Anche quando apri un blog.

Quanto pubblicare in ottica SEO?

A quanto pare, la vera domanda, anziché quanto spesso pubblicare è cosa pubblicare davvero.

Per cominciare, c’è bisogno di stabilire cosa si è capaci di creare in termini di contenuto. Prenditi del tempo per creare il tuo piano editoriale e fa che il tuo team sia coinvolto il più possibile nella creazione di idee, condividendo possibilità e scenari da mettere in atto. Potrà sembrare sorprendente, ma tutto ciò che è curato con una linea guida del genere veicolerà credibilità e faciliterà idee migliori.

Una volta stabiliti i tuoi obiettivi, imposta una routine settimanale e programma il tuo lavoro in termini di consistenza e frequenza. Dare un’occhiata a quanto pubblicano i tuoi competitors ti sarà d’aiuto: sarai in grado di stabilire la tua programmazione per raggiungere più pubblico.

Al momento, ad esempio, una frequenza di pubblicazione media pare essersi assestata intorno alle due volte settimanali. Per rendere effettivo questa schedule scegli dei giorni specifici da utilizzare come finestra per pubblicare i contenuti. Certo, potrai cadere di nuovo nella tentazione di fare di più per guadagnare più traffico. Ma, di nuovo: sii fedele al tuo piano e scegli di selezionare contenuto rilevante da poter creare.

Come scrivere contenuti SEO oriented?

Scrivere in ottica SEO significa, prima di tutto, scrivere di qualcosa che verrà cercato dagli utenti. Cerca di analizzare le potenzialità di un post: quanto rimarrà rilevante l’argomento di cui vuoi parlare? Avrà delle ricerche per lungo tempo? Ha le capacità di generare traffico da qui a qualche anno? Se la risposta a queste domande è no, a prescindere da quanto sarà ben scritto, non lo leggeranno in molti.

La vita media di un blog post tra le ricerche è di circa 3–4 anni (quando tratta argomenti davvero di rilievo). Per questo motivo, il consiglio che chiunque possa darti è quello di preferire sempre i cosidetti argomenti evergreen.

Un evergreen topic è un contenuto che difficilmente scade in termini di ricerca, non è influenzato dalla temporalità perché tratta di qualcosa che potrà avere importanza anche successivamente. Quindi garantisce traffico per un lungo periodo di tempo anche in futuro. Una volta trovati topic interessanti in questi termini, Google ti farà sicuramente spazio. Starà a te essere bravo nel selezionarli con criterio.

Promuovere Equivale a Creare

I social media sono il posto dove tutto, in questo momento, accade.

È quindi importante che i tuoi canali seguano la linea del tuo blog. Non solo per promuovere e lanciare i suoi stessi contenuti, ma soprattutto per rendere l’idea di una linea editoriale coerente e ben strutturata.

Se c’è un’idea dietro quello che fai, si noterà da questi particolari.

Particolari che aiuteranno a far crescere la tua immagine, quindi a far crescere le tue visite, quindi ad ottimizzare il tuo ranking in termini di ricerca.